Use of cookies
The site uses cookies owners for their functionality. By continuing browsing accept their use. Ulteriori informazioni -

Bosco Eliceo wines – DOC

vino

Over the centuries, wine growing in Ferrara has always meant the Uva d’Oro vine, whose origins, it has been suggested, can be traced back to the Etruscans of the flourishing city of Spina. The vine was probably grafted in the Valli region in 1528, when the duke Ercole II d’Este married Renata di Francia, daughter of the Louis XII, who as a dowry brought a vine from Burgundy, the Côte d’Or, in Italian Uva d’Oro, which found the perfect habitat in the Dune Sabbiose (sandy dunes) of the Delta and on the rises in the land in the Bosco Eliceo and gave its best among the delta holm-oaks and bushes.

The particularly damp, foggy and static environment, the strongly salty air and land, the constant proximity of the sea and the lack of fresh water over the centuries contributed to the formation of a grape with a very strong character.

The Bosco Eliceo wines (Fortana, Merlot, Bianco del Bosco, Sauvignon), with their light and aromatic taste, slightly pungent, whether red or white, combines perfectly with meat and fish dishes, marsh game and eel.

La viticoltura ferrarese si è identificata nei secoli con il Vitigno Uva d’Oro, le cui origini sembra si possano far risalire ipoteticamente fino agli Etruschi della fiorente città di Spina. L’innesto del vitigno nelle Valli avvenne probabilmente nel 1528, quando Ercole II Duca d’Este sposò Renata di Francia, figlia di Luigi XII, la quale portò in dote un vitigno della Côte d’Or della Borgogna, l’Uva d’Oro appunto, che trovò il perfetto habitat nelle zone delle Dune Sabbiose del Delta e nei Dossi del Bosco Eliceo per riprodursi al meglio, tra i lecci e i cespugli deltizi. L’ambiente particolarmente umido, nebbioso e statico, l’aria e il terreno fortemente salmastri, la vicinanza costante del mare e la mancanza di acqua dolce contribuiscono, nei secoli, alla formazione di un’uva dal fortissimo carattere. I Vini del Bosco, Fortana, Merlot, Bianco del Bosco, Sauvignon, dal gusto leggero e aromatico, leggermente sapido, bianchi o rossi che siano, riescono a sposarsi alla perfezione con i piatti di carne e di pesce.
Il Fortana si distingue per il colore rosso rubino, il profumo vinoso caratteristico del vitigno e il sapore asciutto. La gradazione minima è di 10,5°.
Il Merlot ha un colore rosso rubino intenso da giovane, più chiaro in maturità: il profumo caratteristico, leggermente erbaceo; il sapore secco. La gradazione minima è di 10,5°.
Il Sauvignon ha un colore giallo paglierino, il profumo delicato e leggermente aromatico, il sapore asciutto. La gradazione minima è di 11°.
Il Bianco si distingue per il colore giallo paglierino scarico; il profumo delicato, il sapore fresco. La gradazione minima è di 10,5°.